mercoledì 30 gennaio 2013

Capitolo 4: Preoccupata

«Credo che mia sorella mi nasconda qualcosa.» Esordì Elena fissando le amiche: Bonnie e Caroline
«Tutti abbiamo dei segreti.» Disse Caroline aggiungendo la seconda bustina di zucchero al suo caffee.
«Lo so. Ma lei... io.. ho questa sensazione stranissima e poi la scorsa notte lo sentita urlare di nuovo. Sempre lo stesso incubo.»
«Appunto Elena, un incubo. Tutti ne facciamo.» Elena si scambiò un occhiata con Bonnie.
«Pensi...» Bonnie non finì la frase ma Elena capì.
«No. Ma in questi due anni che cosa ha fatto? Dov'è andata? Aveva solo quattordici anni. Una ragazzina.» Caroline si destò dal suo trans post caffeina e si fecce attenta alla discussione.
«Pensi che aveva a che fare con un giro di prostituzione e che adesso sia in fuga da loro?» Bonnie e Elena fissarono Caroline con la fronte aggrottata.
«Mia sorella non è una prostituta.» Esclamò Elena indignata.
«No, certo che no. Ma come faceva se no una ragazzina a vivere. Di certo non aveva un lavoro.» Elena fissa le amiche preoccupata.
«Sono preoccupata. E poi c'è una cosa strana... perché il collegio non ci ha chiamato quando è scappata?» Le tre amiche rimasero in silenzio.
«Si, questo è strano.» Constatò Caroline.
«Perché non lo chiedi a lei.» Disse Bonnie.
«Perché non me lo direbbe mai. Lei non parla con me.»
«Ehi, perché non assumi un investigatore privato e gli chiedi di prendere informazioni su gli ultimi due anni di tua sorella? Facile e veloce.»
«E costoso.» Aggiunse Bonnie.
«Ma è un lavoro pulito e lei non lo saprà mai.» Caroline.
«E se lo scopre, puoi scodarti la sua fiducia.» Bonnie.
«Che cosa devo fare?» Chiese Elena.
«Assumi un detective.»
«Parla con lei.»
Dissero in contemporanea Bonnie e Caroline. Per poi fissarsi in cagnesco. Elena sbuffò appoggiandosi allo schienale della sedia.

venerdì 25 gennaio 2013

Happy Birthday... Junho Oppa!


I Love You
Starring: 2PM



Le spalle appoggiate al muro, le gambe avvinghiate attorno ai fianchi di Chansung, che spingeva e spingeva regalando a Junho attimi di intenso piacere. Le labbra unite, incapaci di separarsi, come le dita di quelle mani che sembravano fuse insieme, strette in una smaniosa voglia di essere ancora più uniti, ancora più vicini.
«Saranghe...» Un lieve sussurro, ansimato all'unisono.




Fine!

mercoledì 23 gennaio 2013

Capitolo 3: Il ritorno di Damon

Elena si lasciò accompagnare da Damon alla villa Salvatore, lì avevano trovato Stefan, sorpreso di vederli insieme e soprattutto di vedere la fidanzata in lacrime.
«Che cosa le hai fatto?» Fu la prima cosa che disse Stefan al fratello.
«Uau. Mi erano mancate le tue accuse.» Ghignò Damon.
«Non è colpa di Damon. Ho avuto una discussione con Cornelia.» Stefan guardò il fratello con sospetto per poi prendere la fidanzata tra le braccia.
«Cos'è successo?»
«Lei...» Elena scosse il capo. Non riusciva a parlare, non riusciva a formulare un pensiero sensato. Le parole della sorella l'avevano parecchio scossa.
«Piccola Gilbert è una belva.» Spiegò Damon versandosi del whisky in un bicchiere.
«Stefan, io non la riconosco più. Non è più la mia sorellina, è un estranea. Ti rendi conto che sono due anni che è scappata dal collegio? -Elena sospirò afflitta- Dov'è stata? Che cosa ha fatto? Perché è tornata solo adesso? Ho paura che mi nasconda qualcosa.»
«Vuoi che le parli?» Chiese Stefan ad Elena.
«State complicando le cose voi due.» Stefan e Elena si voltarono a guardare Damon. «È solo una ragazzina, che si diverte a fare la dura.»

domenica 20 gennaio 2013

Capitolo 2: Sconvolgente Verità


La canzone Leave out all the rest dei Linking Park, suonava a tutto volume dalla camera di Cornelia diffondendosi per tutta la casa.

«Sono le sette, di sabato mattina. Cornelia lo sa vero?» Chiese Elena sedendosi al tavolo della cucina.
«Si, lo sa. Lo sa dalle cinque di questa mattina, quando ha iniziato a spostare i mobili del salotto.» Sbadigliò Jenna, per poi sorseggiare il suo caffee.
«Avrà problemi con il fuso orario.» La giustificò Jenna.
«Sono giorni che si sveglia all'alba. Il fuso orario non c'entra nulla.»
«Sarà abituata a diversi orari. Noi non sappiamo come si ci comporta in un collegio.» Elena si versò del caffee.
«Oggi sono impegnata con Caroline e Bonnie per la preparazione della festa dei fondatori.»
«Okay. Porta Cornelia con te.»
«Cosa?» Chiese Elena sorpresa, dallo sguardo della zia, Elena fu costretta a rimangiarsi tutte le obiezioni che aveva sulla punta della lingua.
«Cosa?» Chiese qualche minuto dopo Cornelia al tavolo con la sorella e la zia.
«Perché?» Chiese poi in tono petulante, facendo rifiorire la ragazzina che c'era in lei.
«Perché non puoi restare in casa tutto il giorno. E poi se hai intenzione di restare a Mystic Falls devi farti coinvolgere dalle attività della città.» Cornelia fecce un verso scocciato ma non obiettò. E mezz'ora dopo si trovava in auto con Elena dirette al municipio.
«Per quale motivo stiamo andando al municipio?» Chiese Cornelia con fare annoiato.
«Dobbiamo organizzarci per la preparazione della festa dei fondatori.» Spiegò Elena.
«Ah... la festa dei fondatori. Zucchero filato e carri allegorici.»
Se non ti va di venire posso riaccompagnarti a casa.» Disse Elena guardando la sorella.
«No. Zia Jenna ha ragione, non posso restare a casa tutto il giorno. Devo farmi coinvolgere dalle attività della città.» Elena sospirò.
«Volevo salvarti dallo stacanovismo di Caroline. È terribile.» Cornelia rise divertita.
«Caroline Forbs quella che si divertiva a farmi mangiare gli insetti?» Anche Elena rise.
«Si, proprio lei.»
«Siete ancora amiche?»
«Si.»
«Il ragazzo che era con te... è il tuo ragazzo?»
«Si. Si chiama Stefan. Stefan Salvatore.» Cornelia annuì silenziosamente mentre guarda fuori dal finestrino.
«Stai attenta.» Sussurrò Cornelia in tono serio.

venerdì 18 gennaio 2013

Super Junior

→ (clicca sul nome dell'artista per aprire la sua scheda personale) ←


Leeteuk (Leader, Vocalist, Rapper e Ballerino)
Yesung (Vocalist e Ballerino)
Heechul (Vocalist, Rapper e Ballerino)
Kangin (Vocalist e Ballerino)
Shindong (Rapper , Vocalist e Ballerino)
Sungmin (Vocalist e Ballerino)
Zhou Mi (Vocalist, Rapper e Ballerino)
Eunhyuk (Rapper, Vocalist e Ballerino)
Siwon (Vocalist e Ballerino)
Donghae (Vocalist, Rapper e Ballerino)
Ryeowook (Vocalist e Ballerino)
Kyuhyun (Vocalist e Ballerino)
Henry (Maknae, Vocalist, Rapper e Ballerino)

giovedì 17 gennaio 2013

Happy Birthday... Kangin Oppa!


Petali di rosa
Starring: Super Junior



In una semplice ed elegante camera da letto, Leeteuk accendeva la quarta candela profumata alla vaniglia, e azionava l'ipod che diffuse per la stanza una soave e romantica canzone d'amore, mentre in boxer spargeva petali di rose rosse su tutto il letto.
«Leeteuk?» Kangin chiamò il suo ragazzo prima di aprire la porta della camera e rimanere senza parole.
«Oh mio dio... e questo cos'è? Che hai fatto? Sono petali di fiori quelli? Davvero?!» Chiese Kangin divertito.
«Cosa?! Dopo tutta la fatica che ho fatto per prepararti questa sorpresa. Ottengo solo le tue lamentele?» Chiese Leeteuk scocciato.
«Ripulisci questo pasticcio... poi ti darò qualcosa di molto speciale.» Sussurrò Kangin con voce sensuale prima di baciare la guancia del suo ragazzo.







Fine!

mercoledì 16 gennaio 2013

Capitolo 1: Un ritorno inaspettato


Note: La storia è un multi cross-over su due delle mie serie di libri preferite e uno dei miei telefilm preferiti. Ho scelto il telefilm e non il libro di TVD solo per comodità nello svolgimento della storia. Per quando riguarda The Vampire Diaries mi sono fermata ai fatti della prima serie, con delle modifiche, Jeremy non esiste, è stata Elena nell'ultima puntata a baciare Damon e non Katherine che non si è mai fatta viva in città, quindi Caroline è umana e Tyler non ha mai scatenato la maledizione. Sperò sia chiaro. Per quanto riguarda La setta dei vampiri per scelta di storia, i fatti si fermano all'Alba Oscura. Su I diari delle streghe non ho note da fare. Apparte che mi sono ispirata ai libri e non alla serie TV. Tengo comunque a precisare che essendo una Fan Fiction parte di quello che scriverò sarà presso dai libri o dal telefilm e parte inventato da me. Spero che questa storia vi piaccia e vi invito a dirmi il vostro pensiero in merito ai capitoli. Se volete naturalmente.






Capitolo 1: Un ritorno inaspettato



Elena sospirò stancamente «Caroline è una stacanovista.» Stefan rise divertito.
«È solo una ragazza perfezionista.»
«Nevrotica.»
«Precisa.»
«Stefan smettila. Sto cercando di odiare la mia migliore amica.» Lo ammonì Elena con finto tono arrabbiata.
«Scusa, scusa. -Stefan alzo le mani dal volante, fingendo di difendersi- Continua.»
«Non mi va più. -Elena sospirò- Caroline sta cercando di dare il massimo nell'organizzare la festa dei fondatori, e io mi sono offerta volontaria.» Con una mano Stefan accarezzò la guancia della fidanzata.
«Dopo tutto quello che è successo l'anno scorso, prendere ordini da Caroline mi sembra il paradiso.» Stefan divenne serio.
«Speriamo che comunque la festa di quest'anno sia meno movimentato della precedente.» Sussurrò Elena.
«Qualcosa mi dice che quest'anno sarà una festa noiosamente normale.» Rise Stefan stringendo una delle mani di Elena nelle sue.
«Lo spero. Hai sentito Damon di recente?» Chiese Elena con fare noncurante anche se dentro era curiosa di avere notizie di Damon. Nove mesi prima il vampiro aveva deciso di partire e prendere una pausa da “questo posto da manicomio” come lo aveva definito lui, e di girare e di divertirsi per il mondo. In realtà il vampiro stava scappando dalla scelta fatta da Elena di rimanere con Stefan. Elena era consapevole di aver sbagliato, che il suo modo di agire aveva fatto soffrire molto il maggiore dei fratelli; baciarlo e fargli credere in un possibile loro futuro era stato davvero cattivo. Ma... a sua discolpa Elena poteva solo dire di essere troppo suscettibile al fascino dei Salvatore. A modo suo lei li amava entrambi. Ma messa alle strette e dovendo fare una scelta, aveva preferito rimanere con il vampiro più umano.

martedì 15 gennaio 2013

Happy Birthday... Junsu Oppa!


Eat me
                                starring: 2PM



Taecyeon rise sotto i baffi, o meglio con una mano davanti alla bocca, mentre fissava la sua opera d'arte. Poche ore prima era entrato nella camera di Junsu, gli aveva sbottonato la camicia bianca, -ringraziando il suo sonno pesante- e armato di bomboletta spray di panna aveva iniziato a dare vita al volto di un anziano uomo con tanto di folta barba bianca, completando i particolari con ciliegine. Un vero spettacolo.
Così impara a mangiarsi l'ultima fetta di torta” Fu il pensiero di Taecyeon mentre usciva dalla stanza.




FINE!

lunedì 14 gennaio 2013

Lei sta tornando...

Elena la ricorda timida e indifesa.

Lei si presenta sfrontata e ribelle.

Elena boccheggiava. Non è possibile. Si ripeteva incredula. Quella d'avanti a lei non poteva essere la sua sorellina Cornelia, la ragazzina fissata con gli orsacchiotti di peluche, che ne stringeva sempre uno tra le braccia. No. Quella che Elena aveva d'avanti era una donna. Una donna sensuale, con tacchi alti e lunghe unghie laccate di rosso.
«Cornelia...» Ripeté Elena incredula. Sbatte più volte gli occhi, cercando di riprendersi. «Che ci fai qui? Dovresti essere in collegio.» Cornelia sbuffò infastidita.
«Si, Elena sono felice anch'io di vederti.»

Ma Cornelia non sarà l'unica a tornare...

«Mi ha mandato un telegramma. -Stefan alzò gli angoli della bocca in un sorriso- Stupido. Credo che presto lo riavremmo tra i piedi. Almeno questo è quello che ho decifrato.»

A quale gioco, sta giocando il destino?

«Vuoi sapere un segreto Elena? -Cornelia si sporse verso Elena solo con il busto.- Sono due anni che ho smesso di frequentare il collegio. E in questi due anni ho capito una cosa. Morire è facile, basta poco. È vivere la cosa difficile.»

Quale segreto nasconde Cornelia?

Scopritelo insieme a me con la mia nuova storia...

Ciao, Sorellina