venerdì 14 marzo 2014

One-Shot: XiuHan

Non si può tornare indietro



Quando Luhan si svegliò quella mattina gli parve tutto nella norma. Il sole splendeva alto nel cielo e filtrava nella stanza dalle persiane aperte. La stanza era nel suo ordine immacolato e questo lo fecce sorridere. Si stiracchio per benino, sentendo alcune ossa scricchiolare, e voltandosi su un fianco vide Minseok teneramente addormentato, l'espressione dolce e il respiro calmo e regolare.
Luhan sgranò gli occhi e alzando il lenzuolo che copriva i loro corpi si vide nudo e anche Minseok era nella sua stessa situazione. Il biondo sbiancò ricordando la sera prima quando ubriaco si era letteralmente buttato tra le braccia di Minseok implorandolo di fare l'amore con lui.
Cercando di non far rumore Luhan si mise a sedere sul letto, con tutta l'intenzione di andare via, non avendo il coraggio di guardare Minseok in faccia dopo la figuraccia che aveva fatto la sera prima.
Il giovane aveva messo il primo piede fuori dal letto che una mano calda lo bloccò afferrandolo per un polso.
«Lu, dove vai?» La voce rocca e assonata di Minseok mise i brividi al biondo che inspirò profondamente prima di parlare o meglio balbettare: «Io... ecco... veramente...» Minseok tirò a se Luhan abbracciandolo stretto, facendo appoggiare la testa di Luhan sul suo petto.
«Non puoi scapparmi, non adesso che ti ho presso.»
«Hyung...»

Minseok non lascia finire il più piccolo di parlare che si impadronì della sua bocca affondando in lui, Luhan restò sorpreso dal gesto, per qualche secondo, poi la consapevolezza di star baciando il ragazzo che amava segretamente si fecce spazio in lui e deliziato approfondì il bacio ricambiando le carezze della lingua dell'altro con la propria.
In un attimo l'adrenalina arrivò alle stelle pompando il sangue velocemente, facendo accelerare il battito cardiaco dei due giovani. Il ritmo costante di quei battiti era in simbiosi con le spinte che il mora dava al biondo. Quelle spinte facevano vibrare di piacere i due giovani che gemevano e gemevano di quell'unione che li rendeva ubriachi di emozioni strabilianti.
«M-Minseok... Ahhh!!» un grido si ruppe dalle labbra di Luhan che chiedeva di più sempre di più, mentre stringeva con le mani le lenzuola del letto, la voce attutita dal cuscino sul quale appoggiava la faccia.
Minseok afferrò saldamente i fianchi dell'altro, affondando nella morbida carne del biondo che non si curo minimamente dei segni che probabilmente sarebbero comparsi in seguito, il moro voltò Luhan così da averlo di fronte e si avvicino ancora di più a lui in modo che ad ogni spinta il suo addome strusciasse sull'eccitazione dell'altro.
«Oddio... siiii!!» Le spinte si fecero più veloci e Luhan assecondò ogni spinta stretto nel corpo del suo hyung con le unghie affondate nelle spalle dell'altro.
«H-hyung... sto per... venire.»
«Oh siii, anch'io Luhan... f-facciamolo insieme.» Ansimi e gemiti si unirono insieme al suono dei due corpi che entravano in contatto. Altre spinte, altri gemiti e il tutto si concluse in un esplosione di piacere, che lasciò i due amanti stanchi ma felici.
Minseok si era sfilato dal corpo di Luhan e adesso giaceva al suo fianco senza riuscire a smettere di fissare l'altro.
«Hyung, che c'è? Perché mi fissi?» Chiese Luhan mettendosi su un fianco e fissando a sua volta il più grande che sorrise dolcemente portando una mano ad accarezzare la chioma ribelle del minore.
«Mi chiedi perché ti fisso Luhan?!» Il giovane messo in causa annuì, e il sorrido di Minseok si allargò ancora di più. «Beh, perché sono innamorato di te. E non è un sentimento che ho scoperto soltanto adesso, ma lo so da sempre. Dal primo momento che ti ho visto, dal primo momento che mi hai parlato, che mi hai stretto la mano pronunciando il tuo nome. Un nome che il mio cuore continua a chiamare. Luhan io ti amo, ti amo da impazzire.»
«Oh...»
«Oh? Solo oh?» Chiese Minseok imbarazzato, per un attimo temette di aver rovinato l'amicizia con il biondo, però poi Luhan scoppio a piangere buttandosi tra le braccia del più grande e Minseok capì di aver fatto la cosa giusta aprendogli il suo cuore.
«Hyung, ti amo anch'io, tantissimo, fino alla fine del mondo.»



Fine!

Nessun commento:

Posta un commento