sabato 28 febbraio 2015

myPlaylist || 01


~ Vimeo ~

Aggiornamento #16



 Anche questo mese è passato... fiù, che gran sollievo non mi è piaciuto per niente questo mese. Il mese più brutto della storia dei mesi. Okay adesso non esageriamo ma comunque è stato un mese che non mi è piaciuto e sospetto che anche Marzo non sarà diverso. È proprio vero la vita non è mai perfetta.
E nell'ultimo periodo sono successe diverse cose che mi hanno fatto capire come queste parole sono vere e che funzionano per tutto.
Anche il detto: il Karma è bastardo. È molto veritiero quindi occhio a quello che fatte, perché vi ritorna sempre tutto indietro.
Questo mi ricorda la legge del tre della Wicca.

Chocolate: Capitolo 3



«Buongiorno signora Jung.»
«Buongiorno anche a te Hakyeon, cosa ci fai qui di domenica?»
«Accompagno Leo alla partita.» La signora Jung aggrottò la fronte perplessa; quella era la prima volta che il migliore amico di suo figlio sorrideva smagliante all'idea di andare ad una partita di calcio.
«Stai bene caro?» Chiese la donna preoccupata.
«Tranquilla mamma viene solo perché ci sarà il ragazzo che gli piace.» Leo scese gli ultimi gradini e afferrò la sacca sportiva che la madre gli stava porgendo. «Andiamo.»
«Fai una buona partita caro e vinci.» La signora Jung rimase sulla porta sventolando la mano mentre il figlio la ignorava.
«Sai Leo in divisa da calcio sei estremamente sexy.» Leo lanciò un occhiataccia all'amico e questo ridacchio imbarazzato. «Comunque com'è andato l'appuntamento di ieri? Guardando il sorriso di tua madre direi bene.»
Leo si fermò in mezzo al marciapiedi piegando la testa di lato e tornando con la mente alla sera prima. «È bello.» Disse riprendendo a camminare.
«Solo bello?» Urlò N correndo dietro all'amico, anche lui prima si era fermato colto di sorpresa.
«Simpatico?» Tentò Leo voltando la testa verso l'altro ragazzo che adesso lo aveva affiancato.
«Simpatico? Hai passato con lui un intero pomeriggio è possibile che hai solo questo da dire?»
«Ha un bel sorriso. Va bene così?!» N sbuffò sonoramente e per niente soddisfatto.