sabato 6 febbraio 2016

DH: Epilogo




«Questa situazione è assurda, lo sai vero?!» Sussurrò Taekwoon
«Cosa c'è d'assurdo? È solo un appuntamento a quattro.» Sussurrò a sua volta Jaehwan afferrando il braccio di Taekwoon e stringendolo nella sua pressa.
«Questo potevamo farlo anche da soli.» Continuò a sussurrare Taekwoon mentre le luci del cinema in cui si trovavano si abbassavano e i trailer dei film prossimi in uscita iniziavano ad essere proiettati sul grande schermo.
«Ma è più bello se siamo in compagnia.» ribatte Jaehwan appoggiando la testa sulla spalla del maggiore. «E poi guardali non sono adorabili.» Taekwoon sposto lo sguardo su Sungjae e Joohyuk che di fianco a loro si tenevano per mano mentre fissavano lo schermo.
«Penso che in questo momento vorrebbero essere ovunque tranne che qui con noi.»
«Che assurdità. Qui è perfetto, c'è oscurità e intimità.» Sorrise Jaehwan strofinando la mano sulla coscia di Taekwoon.
«Togli quella mano Jae...» Disse Taekwoon tra i denti.
«Che male c'è se tengo la mano qui?! Questa è una parte di te che mi appartiene.»
«Non voglio avere un erezione proprio qui.» Disse Taekwoon un pò imbarazzato facendo sorridere Jaehwan.
«Sei così carino~~» Tubò Jaehwan baciano il mento del maggiore mentre la mano si spostava sempre più in alto.
«Stai giocando con il fuoco.» Lo minaccio Taekwoon facendo sorridere Jaehwan. «Mi piace essere circondato dal caldo.» Sussurrò Jaehwan all'orecchio del maggiore.


Joohyuk si voltò verso Sungjae quando sentì la testa di quest'ultimo appoggiarsi alla sua spalla. «Tutto bene?» Chiese sussurrando.
«Sì. Volevo solo appoggiarmi un pò a te. Ma se non ti va posso spostarmi.» Con la mano libera dalla stretta di Sungjae, Joohyuk accarezzò il volto del ragazzo.
«No resta così.» Sussurrò Joohyuk baciando la testa di Sungjae che si accoccolò ancora di più all'altro.
«Ehi ragazzi...» Joohyuk e Sungjae si voltarono verso Jaehwan.
«Io e Taekwoon andiamo un attimo in bagno. Torniamo presto.» Annunciò Jaehwan con un sorriso cordiale. «Va bene.» Disse Joohyuk ricambiando il sorriso.
«Credi che torneranno presto?!» Chiese Sungjae voltandosi a fissare il grande schermo dove stava iniziando il film.
«Ne dubito fortemente.» Rispose Joohyuk con un sorriso divertito stringendosi a Sungjae e fissando a sua volta lo schermo del cinema.


Era già tarda serata, il cielo era già scuro, e le strade di periferia erano silenziose.
In un campo da basket vicino ad un piccolo parco giochi un ragazzo in divisa scolastica se ne stava in mezzo al campo a tirare a canestro finendo ogni volta con il colpire il bordo dell'anello di metallo. Il giovane andò avanti così per un pò: prendeva il pallone arancione lo alzava oltre la sua testa prendeva la mira e poi lanciava colpendo il bordo del canestro e lasciando rimbalzare la palle che con un ritmo regolare ritornava sempre ai suoi piedi.
Solo che all'ennesimo tirò quando la palla colpì il bordo del canestro rimbalzando questa non ritornò ai suoi piedi ma rotolò oltre il bordo del campo.
«Non sei ancora stanco di fallire?!» Il giovane si voltò sentendo quella voce e rimase immobile a fissare il nuovo arrivato prendere la palla e con sicurezza lanciarla verso il canestro mandandola a segno con un tiro pulito.
«Devi tirare leggermente indietro il gomito prima di tirare così hai più possibilità di andare a segno.» Il nuovo arrivato andò a recuperare la palla lanciandola all'altro ragazzo che l'afferrò al volo.
«Prova.» Lo spronò il nuovo arrivato.
Il giovane fisso la palla per lungo tempo prima di alzarla in aria e buttarla verso il canestro colpendo ancora una volta il bordo.
«Ha dimenticato di tirare indietro il gomito.» Il nuovo arrivato recuperò di nuovo la palla ma questa volta invece di lanciarla all'altro gliela portò porgendogliela gentilmente.
«Concentrati sul canestro e poi tira.» Il ragazzo fecce come gli era stato detto e tirò nuovamente ma come tutte le altre volte la palla fini sul bordo.
«Credo che tu sia proprio negato.» Disse il nuovo arrivato recuperando nuovamente la palla.
«Tieni, riprova!» Il nuovo arrivato allungò la palla verso l'altro.
«Non voglio!» Esclamò il giovane colpendo la palla con irruenza e facendola rotolare a terra dopo un brutto rimbalzo.
«Non ho bisogno del tuo aiuto!» Disse per poi voltare le spalle al canestro e allontanarsi.

«Che tipo interessante.» Sussurrò il nuovo arrivato riprendendo la palla lanciandola in aria e facendola finire fluentemente dentro il canestro.

5 commenti:

  1. Sai k sei bravissima a scrivere?! Ogni volta k leggo un capitolo voglio leggere uno subito dopo ^^ Continua cosi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ^^ Mi fa piacere sapere che ti piace quello che scrivo.

      Elimina
  2. *clap clap clap*
    Tanti appluasi per te complimenti!
    Leggerò anche la serie seguente *.*

    RispondiElimina
  3. Sto per morireeeee
    Adesso comincio a leggere la prossima storia perchè tutte le storie che scrivi tu sono bellissime!

    RispondiElimina