sabato 26 marzo 2016

HB: Epilogo




«Sono così geloso.» Jingoo alzò lo sguardo dalla tazza di latte e cereali e lo puntò su Bogeom. «Di cosa?» Chiese Jingoo.
«Di te e Jonghyun.» Per poco Jingoo non soffocò con i cereali. «Luhan mi ha detto che oggi tu e Jonghyun vi siete baciati in mezzo al corridoio.»
«Da quando tu e Luhan vi parlate così tanto?!»
«Siamo coinquilini. La conversazione è alla base di tutto e poi più che parlare spettegolavamo su di te.»
«Stronzo.» Bogeom fecce un vasto gesto della mano come ad accantonare l'insulto di Jingoo. «Comunque non cambiare discorso. Che cosa è successo tra voi due.»
«Non ne sono sicuro ma credo che stiamo uscendo insieme.» Rispose Jingoo riflettendoci sopra.
«Credi?!» Chiese Bogeom scrutando l'amico.
«Ieri è venuto al locale e mi ha detto che gli piaccio anch'io.»
«Quel "anch'io" fa supporre che tu gli abbia confessato i tuoi sentimenti.»
«Più o meno... mi ha obbligato a dirglielo.» Bogeom aggrottò la fronte e Jingoo si affretto a spiegare. «In pratica sa che sono stato il suo stalker per 3 anni.»
«Perché è mai stato un segreto. Comunque sono molto felice per te.»
«Grazie. Ah~ oggi viene qui a casa mi ha chiesto se poteva venire e io gli ho detto di si.»
«Woah... Quindi sa che la tua camera è il tuo santuario su di lui.» Jingoo sgranò gli occhi. «Devo far sparire quelle foto!» Esclamò il ragazzo correndo fuori dalla cucina.
«Che gli prende?!» Chiese Luhan che entrava in quel momento in cucina.
«Deve trasformare un santuario di venerazione in un monastero di meditazione.» Rispose Bogeom con un sorriso sulle labbra.
«Eh?!» Luhan era visibilmente confuso.
«Deve far sparire le foto di Jonghyun dalla sua stanza.» Spiegò Bogeom e Luhan si lasciò sfuggire un "Ah~!" di comprensione.